Carta Metropolitana dell’Elettromobilità

Mobilitati verso il Futuro Sostenibile

Sei una pubblica amministrazione? Mobilitati verso il futuro sostenibile attraverso l’implementazione della Carta Metropolitana dell’Elettromobilità sul tuo territorio.

Cosa facciamo

Il progetto della Carta Metropolitana dell’Elettromobilità è un documento d’intenti sviluppato sulla base di 5 fondamentali punti di sviluppo. La carta propone un impegno dell’amministrazione a condurre le proprie politiche su questi 5 punti:

Cambiamento Culturale

Offrire al consumatore valide motivazioni per il cambiamento culturale.

Rete di Ricarica

Accelerare lo sviluppo di una rete di ricarica accessibile al pubblico, in linea con le indicazioni fornite dal PNIRE

Logistica elettrica

Stimolare l’introduzione di mezzi elettrici nei segmenti di mobilità con maggior efficacia e praticabilità.

Ricarica negli Immobili

Ampliare la possibilità di ricarica negli immobili residenziali e aziendali, idee su modulistica preimpostata.

sharing mezzi elettrici

Dare un forte impulso allo sharing con mezzi elettrici così da ridurre le emissioni inquinanti oltre che la congestione del traffico

Generare nuove idee. Risolvere i problemi della mobilità elettrica.

Il cambiamento generazionale è in atto ed è necessario utilizzare nuove idee.

“Non si può continuare ad affrontare gli stessi problemi con le idee che li hanno generati” – A. Einstein 

F

MONDO

Oltre 1 miliardo Veicoli endotermici circolanti (disel e benzina)

F

MONDO

Oltre 2 milioni Veicoli elettrici (EV)

F

EUROPA

Oltre 294,6 milioni di Veicoli endotermici circolanti (disel e benzina)

F

EUROPOA

Oltre 460 mila Veicoli elettrici (EV)

F

ITALIA

Oltre 37 milioni Veicoli endotermici circolanti (disel e benzina)

F

ITALIA

Oltre 6 mila Veicoli elettrici (EV)

F

NORVEGIA

Oltre 3,3 milioni di Veicoli endotermici circolanti (disel e benzina)

F

NORVEGIA

Oltre 100 mila Veicoli elettrici (EV)

Gruppo 1 di lavoro sul cambiamento culturale

Gruppo di Lavoro 1 sull’approfondimento del “primo punto” della Carta “Offrire al consumatore valide motivazioni per il cambiamento culturale” è coordinato da CEI-CIVES, in collaborazione con ADICONSUM. La città che affianca i coordinatori è Firenze.

Gruppo 2 di lavoro infrastrutture di ricarica

Gruppo di Lavoro 2 tratta del secondo e terzo punto della Carta “Accelerare lo sviluppo di una rete di ricarica accessibile al pubblico” e
“Ampliare la possibilità di ricarica negli immobili residenziali e aziendali è coordinato da RSE – Ricerca sul sistema Energetico S.p.A.
La città che affianca il coordinatore è Milano.

Gruppo 3 impulsi per stimolare la domanda di mezzi elettrici

Gruppo di Lavoro 3 sviluppa il quarto e quinto punto della Carta “Dare un forte impulso al car sharing con mezzi elettrici” e “Stimolare l’introduzione di mezzi elettrici nei segmenti di mobilità con maggior efficacia e praticabilità: flotte aziendali e degli enti pubblici” è coordinato da AMAT-Milano. La città che affianca il coordinatore è Torino.

Gruppo 4 tematiche riguardanti la mobilità elettrica dolce

Gruppo di Lavoro 4 affronterà tutte le tematiche riguardanti la mobilità elettrica dolce (biciclette a pedalata assistita – regolamento dei mezzi elettrici pedonali, agli scooter e moto elettriche e relativo sharing, nonché la mobilità nautica e agricola) è Coordinato dai Comune di Bologna e Varese.